giovedì 11 luglio 2013

Spaghetti alla Buciardona

Fosse per lui dovrei passare la maggior parte del tempo in cucina.
Non ha mica capito che non siamo tutti come lui, che abbiamo i nostri impegni, la nostra vita fuori (della dispensa) e le persone vere con cui confrontarsi.
No, per Leppagorre sembra che tutto giri in funzione della sua soddisfazione, dell'appagamento della sua curiosità.
Come tutti i gatti e come tutti i demoni è un egoista.
La sera, poi, quando mi rilasso un attimo, parte alla carica, ogni volta.
- Che faccio?
- Leggi un libro.
- Ma se non so leggere! Te lo devo ripetere ogni volta?
- Allora prendi una rivista e guarda le figure, che ti devo dire?
- Uffa! Che noia! Che barba!
Ogni volta così.
Se non temessi di essere preso per uno squilibrato mi vedrei così:


D'accordo, alla fine l'ho fatto. Scusate la litote, signore e signori.
Tante scuse. Di nuovo tante scuse...
Ma almeno a pranzo è semplice, uno qualcosa se lo deve pure preparare, fosse anche un piatto di spaghetti ajo e ojo.

- Ma quant'ajo ciài messo?
- Poco, una spicchietto piccolo piccolo.
- Sicuro?
- Eee!
- Me sa me sa che me stai a dì na bucìa...
- Io? non oserei mai!
Invece lo fa, ogni volta.
C'è da dire che piacendomi i sapori forti alla fine ci azzecca quasi sempre. Quasi.

Spaghetti alla Buciardona
Dosi a persona
100 g   spaghetti (per meno mangio i cereali soffiati!...)
Un mazzetto di salvia fresca
una manciata di funghi secchi
2 spicchioni di aglio
vino bianco, pecorino sardo, olio evo, sale e pepe q.b.
Mettere i funghi secchi ad ammollare in una tazza d'acqua tiepida.
In poco olio (un paio di cucchiai a persona) far imbiondire l'aglio...
- Che fai con quella bottiglietta in mano? Cos'è?
- H2O2
- Acqua ossigenata? E per far che?... Oh, ma vai, vai, che mi fai perder tempo!
- Cattivo...
Quindi: imbiondire l'aglio tritato assieme alla salvia sminuzzata, aggiungere i funghi secchi anch'essi sminuzzati, far rosolare un paio di minuti e aggiungere del vino.
Far sfumare e, se occorre, aggiungere poca acqua dei funghi, facendo attenzione a non pescare dal fondo granellini e sedimenti.
Scolare gli spaghetti e condirli con il soffrittino, e se dovesse risultare un po' troppo asciutta aggiungere un paio di cucchiai di acqua di cottura.
Se si vuole si può spolverare con del pecorino (sardo, che è meno piccante del romano).


- E per cena?
- Come "per cena", se stiamo pranzando! Già pensi alla cena?
- E che aspetti? Il meteorite?
- Ah, ecco, giusto. Be', per cena, direi...

Aforisma del giorno
L'egoismo è il più grande di tutti gli adulatori.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Oggi ascoltiamo
Sam Cooke - Bring It On Home to Me

http://www.youtube.com/watch?v=gZB4jcPmFGo
Da cantare a squarciagola mentre imbiodisce l'agio, con le mani alzate come ad afferrare il destino, il peggiore di tutti i demoni.

4 commenti:

  1. iomilanese-laura11 luglio 2013 21:20

    n, no, troppo! Ma Riccà, tu sei quello a sinistra, vero?. La mia sinistra..però! Imperdibile la quadreria di famiglia,,, lau

    RispondiElimina
  2. Of course, my dear... se non altro perché non avrei materiale su cui fissare i bigodini. Chissà: magari potrei provare quelli a ventosa, se ne trovassi in giro...
    La raccolta quadri è opera del demone in persona, e in pratica sono tutti suoi parenti di cui nemmeno ricordo i nomi.
    Quando uno è mooolto impegnato, eh?
    Grazie, laulau

    RispondiElimina
  3. iomilanese-laura11 luglio 2013 23:21

    Riccardo, ma tu sai qual è la sinistra? Tu non fà battute, preco, Io tetto te sinistra, Jawohl! lau

    RispondiElimina
  4. Mi sa che sono uno dei pochi che ancora non confonde la destra con la sinistra e non dice che l'una è uguale all'altra... Massì, era per tire, Frau Lau (ihihihihihihihihihihihihihihihi)

    RispondiElimina