domenica 20 ottobre 2013

Verdure ripiene... di verdure

- Oddio! (Si fa per dire...) Ma... Leppagorre... come diavolo ti sei conciato?

 
Sembri la vedova Solferini, quella dell'ultimo piano. Si può sapere che t'è successo?
- Sta zitto, ti prego! Zitto! E lasciami consumare lentamente nel mio atroce dolore!...
- Ah, ci risiamo! Riecco il melodramma!... Dopo che m'hai buttato giù le tende della sala stai sperimentando nuove formule espressive? E perché poi ti saresti vestito a lutto?
- Come, "perché"! E me lo chiedi anche, ospite indegno? Vuoi forse vedermi sparire nel gorgo dell'abisso siderale dove miserrimi i gattodemoni si perdono, per inedia - che è l'unica cosa che può davvero annientarci - senza possibilità di riscatto alcuno?
- Quindi se io facessi (si fa per sempre per dire, eh?) lo sciopero della fame rischierei di vederti sparire nel... "gorgo siderale"?
- Esattamen... Perché, hai forse intenzione di fare uno sciopero della fame? Dimmelo subito così mi tuffo nella nutella e mi impano nel pralinato di nocciole, poi mi riempio la bocca come un criceto con ventisette olive all'ascolana e con due filetti di baccalà fritti caldi caldi e stretti nelle zampine mi adagerò sulla fredda lastra marmorea della rosticceria e sarò pronto per la dipartita.
- Ma chi te le scrive queste battute? Il tuo precedente ospite era un neoraffaellita o un esteta all'amatriciana da piogge nel pineto e similia?
- Oh, meschino, tu che non sai cosa si muove nell'animo di noi poveri, incorporei e indifesi gattodemoni!
- La fame, forse? Dico così, in via d'ipotesi...
- Noi, esseri fragili e grami,sempre in bilico tra le il piattume delle vostre dimensioni e le asperità delle nostre, sempre in balia del volere di qualcuno che concendendosi o rifiutandosi un cibo mette in gioco la nostra stessa esistenza!
- Eh sì, è difficile la vita di voi parassiti...
- Ma come osi? Parassiti noi? Se non fosse per noi mangereste ancora carne cruda coperti da pelli putride di bestie squartate! Ingrato! Infido!... Cattivo!
- Oh, quante storie! E come lo chiami tu un essere che vive simbioticamente della vita di un altro, si nutre del suo cibo e fa della vita altrui la propria vita?
- Non saprei... un essere superiore? Un genio? Una meraviglia della natura?
- Il prossimo che mi parla dell'incomunicabilità tra gli uomini lo fulmino, giuro!

So bene perché s'è combinato in questa maniera assurda, tanto da sembrare la caricatura della zia di se stesso.
Mi avrà visto armeggiare con funghi e melanzane e si sarà sturbato al solo pensiero di non poter assaporare neppure una scaglietta minuta di pecorino o un cucchiaino, di queli piccini da caffè, di budino al cioccolato.
Nemmeno stessi facendo la fame, dico io!
Lo so la vita dei golosi non è sempre un giardino di delizie, e quella dei gattodemoni ancor meno, ma bisognerebbe imparare ad apprezzare tutto il buono che può venire da ogni cibo, anche pure da una zucchina lessata...
- Giuralo!
- Giurare cosa, scusa?...
- Giura che "è possibile trovare qualcosa di buono persino in una zucchina bollita" come hai detto. Te ne assumi la piena responsabilità?
- Ma non mi sembra di doverne fare una questione fondamentale, no? Ho solo detto...
- So cos'hai detto! Adesso ce ne liberiamo di quel meraviglioso, simpatico e bellissimo essere che ho il privilegio di ospitare. Questo hai pensato, vero? Facciamogli una zucchina lessa e spediamolo nel limbo delle anime perdute!
- Anche paranoico, adesso? Ma ti pare il caso? Senti, io vado a finire di prepararmi questa cenetta frugale, tu fai pure come vuoi.
- Vai, vai, e lasciami a sdilinquire nel rivolo d'una languida amarezza... E lasciami anche il barattolo di miele e quella fetta di gorgonzola che è in frigo. Voglio morire felice, col sorriso sul muso!...

Verdure ripiene di verdure
(per due persone)
6 grossi funghi champignons
2 melanzane lunghe non troppo grosse
2 spicchi d'aglio
pangrattato q.b. (circa 50 g)
un ciuffo di prezzemolo
sale e pepe q.b.
Mondare i funghi, togliendone il gambo e ripulendoli dal terriccio.
Scavare un po della cappella con un coltellino e tritare la polpa assieme ai gambi, non troppo finemente.
Stessa cosa per le melanzane: spaccarle in due e scavarle col coltello, quindi tritare la polpa e unirla a quella dei funghi.
Aggiungere l'aglio e il prezzemolo tritati, sale, pepe, e pangrattato quanto basta per ottenere un composto non troppo asciutto.
Volendo si può dividere in due il composto e in quello destinato alle melanzane aggiungere un cucchiaino raso di cumino o mezzo cucchiaino di quello in polvere. Lo so, lo so, sono scontato che neppure ai saldi della Befana, ma ormai quest'accostamento mi soddisfa sempre e lo ripeto come una cantilena.
Rivestire quindi i funghi e le melanzane, e cuocere in forno caldo per almeno 20-30 minuti.
Mangiare le verdure calde o, al limite, anche tiepide. Fredde no, per favore.

Per scherzo ho allestito un piatto volutamente scarno e squallido, penso il massimo della tristezza ospedaliera che si possa trovare, e di sicuro non su un blog (che si finge) di cucina.


- Insomma, hai finito di piangere nell'angolo a come un gatto in amore?
- Non stavo piangendo, io! Stavo al telefono con zia Bastet, che ti credi!
- Ah, ecco. Allora l'album è proprio al completo. E adesso posso cenare prima di essere folgorato o graffiato a morte oppure c'è qualcos'altra rampogna con cui devi condirmi gli zebedei?
- Ma stavo scherzando, stupido! Non hai capito niente! Mi sono fatto non so quante risate parlando con la zietta e raccontandole la faccia che hai fatto! Dovevi vederti, mentre sono apparso tutto a lutto.
- Con la veletta... sì...
- Sì, sì. Ahahahahah, non ce la posso fare! Hai fatto una faccia che me la ricorderò per sempre!
- Già... Dài, che si mangia, va. Su, che se si fredde le verdure non mi piacciono più.
- Vengo, vengo! ... Ma... e che d'è 'sta roba?
- Le verdure ripiene di verdure, non hai sentito che bel profumino mentre stavi trafficando con la zietta? A proposito, non è che mi arriva una bolletta da suididio in diretta? Non so quanto possano costare le chiamate interdimensionali!
- No, no, parlavo col mio tele... Ma davvero vuoi mangiare 'sta roba qui?
- Certo, verdure salutari e saporite. Su, mangiamo.
- ...
- Ahahahahaha, dovresti vedere la faccia che hai fatto, malefico! Così impari a prendermi in giro. Vai, chiama zia Bastet, su. Anzi, fa una cosa: invitala a cena, che ai suoi tempi neppure le conosceva le melanzane!

Detto romano del giorno
Cento misure e n'tajo.
 

Oggi ascoltiamo
Emika - Fight For Your Love

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=azKk2IcXbq4

6 commenti:

  1. delle scatole cinesi insomma :)

    RispondiElimina
  2. o delle matrioske? Per solo le melanzane, grazie, che sono anche più grosse...

    RispondiElimina
  3. per "me" (è saltato) scusa

    RispondiElimina
  4. A proposito di matrioske... Ho una cosina in pizzo in pizzo, proprio sulla punta della lingua, cioè dei polpastrelli.
    Vabbè, non anticipo niente, va. Come al solito mio sarà "Molto rumore per nulla".
    Sì, questa è una ricetta quasi tautologica, una verdura*verdura*3.14, insomma una cosetta piccina e stupidina per dar voce al mostriciattolo, che sennó sembra essersi abituato troppo bene con paste ripiene e creme al mascarpone, quello "sprocedato"!
    Ma lau, non vieni dalle latitudini del cicinin, tu? O fai valere le ascendenze venetiche?

    RispondiElimina
  5. Scusami, Ric, ho risposto in corsa e qui ci sono le tue melanzane. Non ho potuto neppure assaggiarle. Ero stata frettolosa nella lettura e non mi ero accorta che anche nelle solanum melongena c'è il trito di funghi .Arg. Mi dispiace, Neppure un cicinin, ma non per la dieta chè il mio metabolismo brucia anche conto terzi. E' per i funghi: studia per fav una versione commestibile anche per me. Adooooooooro le verdure ripiene e gratinate. Cipolle, zucchine, patate, melanzane e pomodori. Ho assaggiato anche il sedano, croccantino. E te pareva...'notte buona

    RispondiElimina
  6. Eh già, in casa laulau i funghi non perdonano, maledetti.
    Secondo me le melanzane vanno bene, benissimo lo stesso anche senza funghi. Basta la polpa tritata, l'aglio il pangrattato e il cumino.
    Le cipolle ripiene sono uno dei sette peccati (gli altri in ordine sono: mascarpone, gorgonzola, dulce de leche, olive all'ascolana, alici fritte, lo spiedone intero del kebab; tranne aggiunte più o meno soggettive...)
    Le verdure fatte in questa maniera sono una delizia, alla faccia di quel gattaccio che fa il bizzoso e poi, zitto zitto, si mangia tutto.
    nottenotte laulau

    RispondiElimina